Il "Carotaggio" geologico a sostegno dell'architetto.

Salvatore Santoro | 20/06/2019 | Informazioni

Il lavoro dell’architetto si deve affiancare a numerose figure professionali le quali restituendo informazioni preziose, permettono all’architetto stesso di svolgere una progettazione ancor più corretta con l’obiettivo di raggiungere un risultato finale ottimale. La nostra progettazione è spesse volte corredata da consulti da parte di geologi esperti. Grazie a questo riusciamo ad avere una verifica sulla reale resistenza di un terreno in caso in cui si voglia costruire un edificio e capirne e calcolarne il suo futuro peso in proporzione.

Spesse volte può risultare scontato o irrilevante invece, il controllo della stratigrafia del terreno, la sua formazione chimica e fisica è fortemente importante per la futura realizzazione sul terreno di edifici e strutture architettoniche.

Lo studio viene svolto attraverso il “carotaggio”, termine con cui si identifica l’attività in cui il geologo esamina il terreno e lo studia attraverso la sua perforazione estraendone campioni cilindrici, denominate proprio “carote”.

Il carotaggio avviene per mezzo di una speciale attrezzatura, di solito montata su carro cingolato, più raramente su ruote gommate, che perfora il terreno mediante un sistema di aste cave e che spinge nel sottosuolo un utensile denominato “carotiere”. Il carotiere a sua volta è formato da un cilindro avente alla base una corona tagliente, del diametro di 10 cm e di lunghezza 1,5 metri. Per far sì che avvenga la perforazione, un sistema meccanico solleva un peso, di solito in calcestruzzo, che sbattendo sulle aste metalliche, spinge il carotiere perforando di conseguenza il terreno. (come visibile nel video).

Quest’operazione che ai più potrebbe sembrare semplice, risulta invece molto complessa poiché le perforazioni si spingono spesso a profondità di 30 metri dal piano campagna e per estrarre un cilindro di terreno così esteso e intatto c’è bisogno di una certa manualità e capacità. La difficoltà varia anche in base al tipo di terreno visto che ci sono terreni più morbidi come quello sabbioso o ghiaioso o quelli più compatti e duri e bisogna preventivamente fare delle prove di forza per vedere la consistenza e non rischiare di provocare danni alle macchine e al terreno stesso. Le macchine sono quindi manovrate da personale specializzato che definisce la quantità di spinta nel terreno e l’apporto di acqua adoperata per ammorbidire lo stesso.

Lo studio delle “carote” permette di capire come poggiare l’edificio sul terreno, in modo tale da non commettere errori costruttivi che potrebbero a lungo andare compromettere persino la stabilità dell’edificio stesso. 

Lo studio delle “carote” contribuisce dunque a comprendere svariati aspetti:

  • capire come poggiare un futuro edificio sul terreno, in modo tale da non commettere errori costruttivi che potrebbero a lungo andare compromettere persino la stabilità dell’edificio stesso;
  • consentire l’esecuzione di rilievi e misure sulle acque sotterranee;

  • prelevare campioni del terreno per studiare proprietà fisiche, chimiche e meccaniche dello stesso per successivi progetti e realizzazioni;

  • comprendere qualità idrogeologiche e geotecniche del terreno e degli acquiferi;

  • rilevare evidenze visive e olfattive per comprendere la possibile presenza di inquinanti presenti nel terreno.